L’azienda Mocajo si distingueva per il proprio vino già all’epoca della mezzadria, grazie al favorevole microclima e alla composizione del terreno.

Sfruttando questa predisposizione territoriale la Famiglia Borghi, attuale proprietaria dell’azienda, ha intrapreso questa avventura nel mondo del vino. Infatti questa passione, nel tempo, li ha portati a relazionarsi con i più grandi produttori italiani (Gaja, Antinori, Incisa della Rocchetta, Avignonesi, Giacomo Bologna, Franco Martinetti) collezionando nella propria cantina le più prestigiose etichette delle migliori annate.

L’amicizia con Martinetti ha influito decisivamente nella realizzazione del loro sogno: un’azienda vitivinicola al Mocajo.

Nell’anno 2000 sono stati acquistati in Francia gli innesti dei vitigni Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e Syrah. L’impianto è stato realizzato da specialisti francesi piantatori. Nell’anno 2002 è stato impiantato anche il San Giovese, vitigno autoctono.

Oggi la realtà vitivinicola del Mocajo si estende per una superficie di 10 ettari.

 

Scarica la scheda tecnica dei vini

Il Mocajo, antico borgo incastonato nelle colline toscane, dà vita a questo vino di gran classe, corposo dal sapore intenso è vellutato. Il suo complesso bouquet lo rende il vino perfetto da accostare a grandi brasati, selvaggina e formaggi stagionati.

Dalla splendida unione dei nobili vitigni San Giovese, Cabernet Franc e Syrah, nasce il Ligia vino delicato ma dal carattere forte e intraprendente. I suoi tannini equilibrati accompagnano a tavola ragù di lepre, bistecca alla fiorentina e secondi di selvaggina.

Ignis è vino robusto, intenso nei profumi di frutti rossi e spezie, con una morbida nota di vaniglia e dal sapore pieno e rotondo. La sua complessità lo rende armonico sia con la selvaggina che con formaggi stagionati, caprini ed erborinati.